29.09.2019 Santi Arcangeli: San Michele, San Gabriele, San Raffaele.

Il 29 settembre giorno dedicato ai Santi Arcangeli, la Chiesa ne ricorda solo Tre: San Michele (chi come Dio?), San Gabriele (forza di Dio), San Raffaele (medicina di Dio).

San Michele Arcangelo Patrono della Polizia di Stato e dei Paracadutisti - San Gabriele Arcangelo Patrono dell'Arma delle Trasmissioni, protettore degli Operatori addetti alle telecomunicazioni e Trasmettitori, e San Raffaele Arcangelo.

L'Associazione Nazionale Sottufficiali d'italia invia i migliori Auguri alla Polizia di Stato, Paracadutisti, Arma delle Trasmissioni e a chi porta i nomi dei Santi Arcangeli.

Oggi è la ricorrenza di San Michele Arcangelo, difensore del popolo di Dio, vincitore nella lotta del bene contro il Male, San Michele Arcangelo fu proclamato patrono e protettore della Polizia, da Papa Pio XII, il 29 settembre 1949, per la naturale assonanza con la missione assolta quotidianamente con professionalità ed impegno da ogni singolo poliziotto. Nell'iconografia, orientale ed occidentale,San Michele Arcangelo viene rappresentato come un combattente, con la spada, o la lancia nella mano e sotto i suoi piedi il dragone, simbolo di Satana, sconfitto in battaglia. Per i cristiani è considerato il più potente difensore del popolo di Dio, del Bene contro il Male. E a lui sono dedicatevi verde chiese, cappelle e oratori in tutta l'Europa dove spesso è raffigurato in cima a campanili e monumenti come guardiano contro le forze del male.

La preghiera del poliziotto
dedicata a San Michele Arcangelo

Oh! San Michele Arcangelo, nostro celeste Patrono, che hai vinto gli spiriti ribelli - nemici della Verità e della Giustizia - rendi forti e generosi, nella reverenza e nell'adesione alla Legge del Signore, quanti la Patria ha chiamato ad assicurare tra i suoi cittadini concordia, onestà e pace affinché - nel rispetto di ogni legge - sia alimentato lo spirito di umana fraternità . Per questo, imploriamo dal tuo Patrocinio rettitudine alle nostre menti, vigore ai nostri voleri, onestà agli affetti nostri, per la serenità delle nostre case, per la dignità della nostra terra!
Amen

L'angelo Gabriele ("mia forza è Dio" oppure, meglio, "uomo di Dio") , Gabriele è venerato insieme a Michele e Raffaele il 29 settembre. Come Michele, protegge gli ingressi delle chiese dal demonio. Nel 1951 è stato proclamato protettore degli operatori delle telecomunicazioni, quindi anche dei Trasmettitori Alpini.

Preghiera dell'Arma delle Trasmissioni

Dio onnipotente, Tu che governi il destino degli uomini, fa che i nostri mezzi edifichino solo pace e amore e che diffondano nell’etere solo messaggi di fratellanza.

Semmai però nuovamente le armi dovessero tornare, da’ a noi Trasmettitori la stessa forza e lo stesso coraggio di quanti ci hanno preceduto nel servizio alla Patria, di quegli Eroi, di cui ci sforziamo di essere degni successori.

Benedici o Signore, l’Arma delle Trasmissioni, coloro che, in armi o in congedo si prodigano in essa per il bene supremo della Patria e di tutti i Fratelli Italiani. Amen

Preghiera dei Trasmettitori

O Signore che guidi l’universo con sapienza e amore, ascolta la preghiera che Ti rivolgiamo per la nostra Patria.

Fiorisca in essa la giustizia e la concordia e, per l’onestà dei cittadini e la saggezza dei governanti, si attui un vero progresso sociale.

Tu o Dio che governi il destino degli uomini, fa che i nostri mezzi edifichino solo pace e amore e che diffondano nell’etere solo messaggi di fratellanza. L’Arcangelo Gabriele, patrono dei nostri reparti, protegga noi e le nostre famiglie, illumini le nostre menti e infiammi i nostri cuori, affinché sappiamo usare gli strumenti che la scienza e la tecnica ci offrono, per il bene della nostra Patria e di tutti gli uomini.

Egli ci guidi nelle ardue conquiste dell’umano progresso, dandoci forza e coraggio per sempre ben operare. Amen


Statuetta di San Raffaele Arcangelo

Raffaele è l'arcangelo dell'amore sponsale e della salute. È, nella chiesa cattolica, come in quella ortodossa, il patrono di giovani, fidanzati, sposi, farmacisti, educatori, viandanti e profughi. Nell'iconografia cristiana i suoi simboli sono il pesce e il vaso dei medicamenti.